La denominazione 'Asparago verde di Canino' conquista l'Igp 

Lunedì 27 Novembre 2023
La denominazione 'Asparago verde di Canino' conquista l'Igp 

BRUXELLES, 13 NOV - La Commissione europea ha approvato oggi l'aggiunta dei germogli di asparagi verdi italiani "Asparago verde di Canino", tipici del comune in provincia di Viterbo, nel Lazio, al registro delle indicazioni geografiche protette (Igp). Lo si apprende da una nota dell'esecutivo europeo.

La denominazione "Asparago verde di Canino", pubblicata oggi sulla Gazzetta Ufficiale dell'Ue, è riservata ai germogli di asparago appartenenti alla famiglia delle Liliaceae e "deve avere turioni pieni e privi di spaccature", si legge nel comunicato. Per l'uniformità di tutta la parte commestibile e l'assenza di scarti, questo asparago viene anche chiamato in italiano "mangiatutto". La nuova denominazione si aggiunge all'elenco dei 1.662 prodotti alimentari già protetti nella banca dati eAmbrosia.

Ultimo aggiornamento: 16 Novembre, 13:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci