Bassano del Grappa. Lucrezia Lando e l'amore con il figlio di Rocco Siffredi: «Con Lorenzo ogni giorno sempre più uniti»

Martedì 19 Marzo 2024 di Elena Filini
Lucrezia Lando

BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA) - «Una mail ha cambiato la mia vita». Proprio quando aveva deciso di appendere le scarpette al chiodo e di iscriversi all'università, Lucrezia Lando ha ricevuto la chiamata di "Ballando con le stelle". Era il 2018: da allora non si è più fermata. Danzatrice, conduttrice, coreografa. Ma oggi al primo posto mette l'amore. La ballerina originaria di Bassano del Grappa ha conosciuto Lorenzo Tano, figlio primogenito di Rocco Siffredi, nell'ultima edizione della trasmissione di Milly Carlucci.

Ed è stato amore a prima vista. Per lui Lucrezia Lando si è "quasi" trasferita in Ungheria. «Facciamo sul serio, ci sentiamo una cosa sola» ha confermato Lucrezia «Ma per Pasqua torneremo a Bassano dai miei, hanno voglio di conoscerlo meglio e io desidero che lui passi del tempo nella mia città».

A dieci anni i primi passi di danza. Poi i viaggi, lo studio all'estero e un sogno: lavorare in televisione. Bassano resta nel cuore, ma Lucrezia vive prima a Padova e per lunghi periodi a Londra. Poi la televisione, Roma, e le prime pagine sui rotocalchi. Nel 2023, Lucrezia Lando si innamora del suo allievo Lorenzo Tano. La loro sintonia è evidente al pubblico fin dalla prima esibizione, ma la conferma ufficiale della loro storia arriva dopo diverse settimane. Lorenzo partecipa al talent per dimenticare un amore finito male e per mettersi in gioco.

Come ha mosso i primi passi nel mondo della danza?
«Ho iniziato danza nella mia città e poi mi sono mossa per andare a Padova per studiare con Carolyn Smith e poi ho studiato a Londra. A diciassette anni avevo mandato una mail a Milly Carlucci ma essendo minorenne non ero stata presa. Ci ho provato così, più per scommessa, l'anno dopo e proprio mentre stavo per iscrivermi all'università è arrivata la risposta dalla trasmissione. A San Valentino nel 2018 ero in viaggio verso Ballando, mi veniva data la possibilità di vivere la mia passione. Il mio sogno si stava avverando».

Due anni ed è riuscita anche a trasferirsi definitivamente.
«Si, lavorare in televisione dà un'indipendenza economica. Sono poi riuscita a fare altre cose, ad esempio come conduttrice di una rubrica ne "Il borgo delle meraviglie" su RaiUno all'interno di Uno Mattina Estate. Infine ho firmato la direzione artistica di un'edizione dello Zecchino d'oro come coreografa».

Ma è vero che ha avuto diversi flirt nelle varie edizioni di Ballando?
«Potrei negare tutto, ero appena entrata nel vortice del mondo dello spettacolo e ho sperimentato una certa astuzia nel farmi dire cose che non avevo mai dichiarato. Quando sei piccola non sai come muoverti c'è chi lavora molto di fantasia».

Fino all'arrivo di Lorenzo.
«È così. Non avevamo fatto piani né programmi. È stato tutto naturale. Sicuramente entrambi non eravamo alla ricerca di un'avventura».

Oggi siete inseparabili. Vi siete "quasi" trasferiti in Ungheria e siete molto vicini a Rocco Siffredi e la moglie Rózsa Tassi. Una grande famiglia, unita e affiata.
«Siamo ogni giorno più uniti. Quando siamo in Italia stiamo a casa mia a Roma, ma prevalentemente siamo a Budapest a casa di Lorenzo. A Budapest si sta molto bene, un posto tranquillo, un contesto non caotico. Lorenzo mi dà grandissima serenità».

È stata un po' adottata dalla famiglia Siffredi.
«È così. Io vedo poco i miei genitori, ma ora ho un altro paio di genitori. Facciamo molto gruppo, come si è anche dalle stories e dai nostri canali youtube condividiamo tanto tempo insieme a loro durante i viaggi».

Chi ha fatto il primo passo?
«Mah direi Lorenzo, mi mandava messaggi vocali da 13 minuti che dovevo ascoltare. Poi, per carità, io sono stata ben lieta di rispondere agli inviti a cena».

Lo ha portato a conoscere la famiglia a Bassano?
«Si, subito dopo Natale Lorenzo si è fatto 700 km per conoscere i miei genitori e i miei nonni. E a Pasqua conoscerà gli zii».

Tornerete?
«Sì, io ho voglia di stare un po' in famiglia e di fargli conoscere meglio la mia città».

Lucrezia come ha affrontato una famiglia così conosciuta, e soprattutto una figura come quella di Rocco Siffredi?
«Non sono una persona che vive di pregiudizi. E loro non sono certo degli alieni. Mi ricordano tantissimo i miei genitori, hanno un grande senso della famiglia. Mi sono sentita accolta».

Cosa le piace di più di Bassano?
«La serenità che mi ha sempre dato e il fatto che sia la città della mia famiglia. Credo però che ogni età abbia il suo tempo, ora non riuscirei a staccarmi da Lorenzo».

Quali sono i piani per il futuro?
«Sono scaramantica, finchè non firmo non parlo. Sicuramente la danza farà ancora parte della mia vita. Ma ho altri progetti in tv, e sto sviluppando un progetto in coppia con Lorenzo». 

Ultimo aggiornamento: 21 Marzo, 15:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci