Minori stranieri non accompagnati, dopo risse e aggressioni il Prefetto detta la linea per la gestione

Mercoledì 22 Maggio 2024
Minori stranieri non accompagnati, dopo risse e aggressioni il Prefetto detta la linea per la gestione

UDINE - Rafforzare l'accoglienza e la formazione, garantendo così la sicurezza ai cittadini. Queste le linee operative emerse durante un incontro in Prefettura a Udine, alla presenza, del prefetto Domenico Lione, del questore Alfredo D'Agostino, e dell'assessore comunale all'Equità Sociale, Stefano Gasparin, per quanto riguarda la gestione dei minori stranieri non accompagnati presenti in città. 

Il vertice

Nel corso del vertice sono stati messi a punto provvedimenti a lungo termine su più livelli e con la collaborazione di operatori, associazioni ed enti pubblici e privati. Frequenti gli episodi in città che - anche di recente - hanno visto protagonisti i minori. Sono state quindi evidenziate la necessità di «rispondere all'esigenza di formazione scolastica e professionale, agevolando i giovani nell'apprendimento dell'italiano e in seguito di un mestiere» e di coinvolgere «altri enti come l'Azienda sanitaria o uffici esterni preposti alla gestione dei minorenni per inserire i giovani in programmi su misura», e di gestire «la prima accoglienza con una regia coordinata e unitaria». «Stiamo lavorando in sinergia con tutti gli attori in campo per avviare una serie di interventi strutturali per l'accoglienza dei minori non accompagnati - ha commentato Lione -, ossia interventi coordinati che comportano la cooperazione tra più istituzioni ed enti pubblici e privati per una progettualità complessiva». «Un incontro utile - ha detto Gasparin - e ora lavoreremo insieme per dare un supporto concreto e rafforzare gli interventi per l'accompagnamento e l'educazione di ragazzi che hanno grandi difficoltà e le reazioni che hanno le vediamo ogni giorno sulle strade. È una realtà strutturale che va affrontata intensificando le forze per dare ai cittadini la sicurezza e ai ragazzi la possibilità di vivere in una realtà tranquilla e sicura». 

Ultimo aggiornamento: 16:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci