Pravisdomini. Capannone del mobilificio a fuoco, si sospetta il dolo. Allarme lanciato dopo la mezzanotte da alcuni residenti

Nel 2017 fu distrutto da un violento incendio

Sabato 6 Gennaio 2024
L'intervento dei pompieri nel 2017

PRAVISDOMINI (PORDENONE) - Ancora roghi dolosi nell'area dell'ex mobilificio della Forma Tre, in via Lido a Frattina.

Le fiamme sono divampate ieri notte in un capannone di circa 200 metri quadrati che si trova a lato dell'ex fabbrica. «A dare l'allarme - spiega il consigliere comunale Silvano Colla - è stato un amico di mio nipote che, passando in auto, ha visto le fiamme. Era mezzanotte e mezza». Colla abita nelle vicinanze. Quando è uscito si è trovato di fronte a nuvoloni di fumo che avvolgevano il capannone, mentre dalle finestre si vedevano i bagliori delle fiamme. Una volta sul posto i vigili del fuoco di San Vito al Tagliamento hanno chiesto rinforzi, arrivati dal distaccamento dei colleghi di Motta di Livenza.

LO SPEGNIMENTO

A lungo i getti dell'acqua sono stati puntati contro la copertura e le finestre del capannone. I pompieri hanno lavorato fino alle 4.30 del mattino per domare le fiamme e mettere in sicurezza la struttura. Sulle cause del rogo pesa l'ombra del dolo. Il capannone è chiuso da anni. Non c'è impianto elettrico, pertanto si può escludere l'ipotesi di un corso circuito, e all'interno non c'erano sostanze infiammabili. Sulla recinzione è stato trovato un buco, qualcuno si è aperto un varco per poter accedere. Le intrusioni, come si evince dalla traccia lasciata sul manto erboso ripetutamente calpestato, sono avvenute con una certa frequenza. Chi abbia utilizzato il capannone come ricovero per la notte o ritrovo saranno adesso i carabinieri della stazione di Azzano Decimo a verificarlo.

I DANNI

Nel capannone sono andati a fuoco tre bancali di pannelli in legno che erano ancora imballati e l'isolamento in lana di roccia del soffitto. La copertura in lamiera ha invece resistito nonostante le alte temperature. Per precauzione il sindaco Davide Andretta, allertato nel cuore della notte, ieri ha contattato anche l'Arpa per avere una risposta in merito alla presenza di eventuali sostanze inquinamenti nell'aria. Il proprietario dell'immobile, infatti, non può intervenire nell'immediatezza perché si trova a Dubai per motivi di lavoro. Non è la prima volta che in via Lido scoppiano incendi. Nel 2017 lo stabilimento principale dell'ex Forma Tre è stato distrutto da un violento incendio scoppiato in uno dei due capannoni di cui si compone l'area industriale di via Lido. Per domare le fiamme ci volle l'impegno di una quarantina di vigili del fuoco, che riuscirono a salvare l'immobile in cui si è verificato il rogo ieri notte. «Il sito - spiega il sindaco - è stato bonificato, l'eternit smaltito sotto la supervisione dell'Azienda sanitaria. È stato messo tutto in sicurezza, le operazioni si sono concluse da poco». «Speriamo sia l'ultima volta che succede», aggiunge Colla rimarcando come la zona industriale di Frattina sia un'area ormai abbandonata.

Ultimo aggiornamento: 12:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci