Lupi sempre più vicini alle case: sono già 15 i cani sbranati in Fvg

Giovedì 18 Aprile 2024 di Cristina Antonutti
Lupi sempre più vicini alle case - Foto di Toby Christopher by pexels

Sono una quindicina i cani predati dai lupi negli ultimi mesi nella Pedemontana pordenonese. Ianco, sbranato l'altra notte da una coppia di predatori in un cortile di Talmasson, è l'ultimo caso segnalato alla Forestale.

I due lupi di Talmasson

I due animali potrebbero essere gli stessi che l'Università di Udine è stata autorizzata a monitorare, a soli scopi scientifici, tra fine febbraio e il 1. aprile dal ministero della Transizione ecologica e da Ispra su richiesta del Servizio Biodiversità della Regione. L'obiettivo era catturarli e dotarli di radiocollare, così da poterne seguire gli spostamenti e intervenire nel caso si avvicinino troppo alle case (VIDEO). Perché in questo caso il problema - come osserva il professor Stefano Filacorda, ricercatore che da oltre 25 anni si occupa di orsi e lupi per l'ateneo friulano - sorge quando i predatori cercano i cani. «I lupi - afferma Filacorda, docente di Ecologia e biologia della fauna e di Gestione e conservazione della fauna - devono tornare a essere lupi, devono restare diffidenti.

Bisogna evitare che si costituiscano branchi che poi trasferiscono questo tipo di comportamenti».

Video

Il lupo è una presenza storica nel Cansiglio

Le fototrappole collocate dall'Università di Udine sono state monitorate dalle guardie forestali di Polcenigo, con l'aiuto dei colleghi di Maniago. «È stato grazie a loro - precisa Filacorda - che è stato possibile individuare una coppia. Si presume, dal loro comportamento, che si tratti di un maschio e una femmina». L'attenzione si è concentrata tra Caneva e Budoia sulla base delle segnalazioni e delle predazioni di cani. L'obiettivo era stabilire se i lupi fossero gli stessi che si avvicinano alle case e catturarli. «Purtroppo il 1. aprile abbiamo dovuto interrompere l'attività perché comincia il periodo della riproduzione e fra due mesi ci saranno le cucciolate - spiega il ricercatore - Abbiamo sempre visto due unità, ma non si può dire con precisione che sia la stessa coppia che si è spinta fino a Talmasson».


Come allontanare i lupi?


Il monitoraggio e le sessioni di cattura erano a scopi scientifici, ma dopo la predazione dell'altra notte tra le case della frazione di Fontanafredda le cose potrebbero cambiare. Ieri mattina in Regione si è parlato del caso Talmasson e probabilmente sarà valutata una diversa gestione. Anche l'allontanamento dei predatori, però, deve essere autorizzato dall'Ispra. «Secondo me - afferma Filacorda - dobbiamo abituarci a queste presenze. Il grande problema sono proprio i cani: è nella natura del lupo predarli. Ma non devono entrare nelle case. Esistono tecniche di dissuasione, ma per applicarle bisogna catturarli e mettere il radiocollare, questo permetterebbe di seguirli, aspettarli e spaventarli».

Se il lupo percepisce una situazione di pericolo, si allontana, in Veneto questa tecnica ha funzionato

Fonti sonore e proiettili di gomma potrebbero essere la soluzione. Anche in questo caso la Regione Fvg potrà muoversi soltanto se il ministero darà il via libera.


Avvistamenti di lupi in Fvg


Gli avvistamenti dei lupi sono numerosi nella Pedemontana. Sono stati segnalati dagli abitanti di San Giovanni di Polcenigo, Caneva, Budoia, Collalto e Aviano. Alcuni camminatori li hanno anche fotografati nel bosco condividendo l'immagine sui social, tacendo però il luogo in cui hanno potuto godere dell'emozionante incontro. Le relazioni della Forestale sulla presenza dei predatori arrivano anche dalla Carnia e dal Tarvisiano, ma anche dalla pianura, dove il lupo già dal 2017 ha fatto la sua comparsa. La soglia di attenzione è alta e il servizio Biodiversità della Regione, con il direttore Fabrizio Fattor e l'esperto di grandi predatori Umberto Fattori, stanno organizzando incontri con la popolazione distribuendo opuscoli e fornendo indicazioni sui comportamenti da adottare. Ieri sera erano a Pontebba, un mese e mezzo fa hanno incontrato la popolazione di Aviano, dove ci sono state predazioni di cani. Una serata informativa è stata organizzata una decina di giorni fa anche per gli abitanti di Sappada e Forni Avoltri per ribadire i comportamenti da adottare per non attirare gli animali vicino alle case, soprattutto durante la stagione fredda. Quando le temperature si alzeranno, i lupi saliranno verso quote più alte.

Ultimo aggiornamento: 15:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci